Ponendoci innanzi al contatore vediamo il display in alto e sulla destra il “pulsante di lettura”. Per prima cosa assicuriamoci del corretto funzionamento del contatore, operazione molto semplice, verificando la presenza della sigla “L1” nell’angolo in basso a sinistra, in alternativa il cattivo funzionamento sarà segnalato da un triangolo con un punto esclamativo e ovviamente non avremo tensione nei locali alimentati da questa utenza. In questo caso sarà utile comporre il numero di ENEL Distribuzione 803500. Prima di fare la telefonata però munitevi del numero POD (IT001Exxxxxxxxx) presente sulla bolletta.

Leggere il contatore Enel è semplice, vi basterà schiacciare il pulsante a destra del display così da scandire in successione le varie pagine di lettura del contatore Enel. La prima volta che si schiaccia il “pulsante di lettura” comparirà la scritta “Numero Cliente” subito seguita dal vostro codice identificativo. La seconda volta che si esercita pressione sul pulsante, si potrà visualizzare la tariffa in vigore, se viene mostrata la sigla T3 sarà applicata una tariffa fissa, mentre se essa si alterna a T2 sarà applicata la tariffa bioraria. Ancora potranno essere visualizzate le voci F1, F2, F3, che fanno riferimento a tre differenti fasce orarie: la Fascia va dalle 8,00 alle 19 di tutti i giorni feriali eccetto sabato. La Fascia 2 vale dalle 7,00 alle 8,00 e dalla 19,00 alle 23,00 dei giorni feriali, sabato escluso. Infine, la Fascia 3 va dalle 00,00 alle 7 e dalle 23 alle 24 dal lunedì al sabato, tutte le domeniche comprese, più relativi festivi (1 gennaio, 6 gennaio, giorno di Pasquetta, 25 aprile, 15 agosto, 1 novembre, 25 e 26 dicembre).

Il terzo “push” vi consentirà di visualizzare la potenza istantanea, che si aggiorna automaticamente ogni 2 minuti, essa rappresenta la potenza utilizzata al momento della lettura. Se continuate a premere il pulsante arriverete finalmente alla sezione di vostro interesse e apparirà il messaggio “Lettura – Potenza“. Da qui potranno essere visionari i consumi del periodo ATTUALE. Quindi avremo un A1 (riferito al consumo in fascia oraria F1), un A2 (che fa riferimento alla fascia oraria due) e A3 (riferito ad F3). Le prime A1, A2, A3, riferiscono al consumo effettivo di KWh nel periodo attuale, al contrario, continuando a premere il pulsante di lettura, appariranno nuovamente le voci “A1,A2,A3″ ma queste faranno riferimento al consumo reale del mese PRECEDENTE.

Centro Luce: i professionisti dell’illuminazione a Genova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.