Lampada da tavolo Antonangeli

Sempre più spesso il giardino sta diventando un plus per la casa, risulta quindi fondamentale capire come valorizzarlo con la luce.

Immaginatevi la scena, è estate e state gustando un aperitivo nel vostro giardino di casa, ma non riuscite a capire se state bevendo una coca cola oppure un frullato.

Illuminare il giardino non è così semplice come sembra e dove posizionerai le luci nel giardino sarà l’elemento cardine del tuo progetto ed influenzerà sensibilmente il risultato finale.

Stabilisci subito quanti punti luce desideri e devi realizzarli perché questa scelta influenzerà il design degli apparecchi, la tecnologia luminosa da scegliere e la potenza stessa delle lampade. Per valutare quanti punti luce mettere misura attentamente lo spazio che hai a disposizione, appuntati la presenza di piante o elementi verdi ed architettonici (scale o gradini), piscine, eccetera.

Se il tuo vialetto è un semplice percorso lineare preoccupati di segnarne la forma geometrica valorizzandone la lunghezza, usa piccoli lampioni ad emissione diffusa che non superino mai i 90 cm di altezza. Una cosa da non dimenticare mai è che il vialetto non è un elemento distaccato del giardino che non deve rispettare legami estetici con il resto della casa. Il vialetto è una parte del tuo arredo esterno e quindi dovrà seguire lo stile e le rifiniture di tutte le altre lampade già presenti.

Nel mio giardino c’è un vialetto nel quale ho innestato su entrambi i lati piante e fiori ornamentali, come lo illumino?

Utilizza faretti per esterni orientabili per le piante e per i fiori ma fai attenzione a non acquistare lampadine alogene che scaldano e potrebbero danneggiare i tuoi fiori. Scegli i nuovi prodotti a Led selezionando temperatura di colore calde per i fiori con tonalità giallo e arancio, e temperature alte e fredde (ma non troppo – 4000-5000 K) per i colori molto saturi. Ricordati inoltre che se punterai i fasci luminosi in modo diretto sulle piante potresti danneggiarne il loro ciclo legato alla fotosintesi clorofilliana e quindi evita di colpirle in modo troppo incidente con la luce. Lavora con angoli laterali o verso l’alto ed avrai un ottimo effetto notturno.

Nel mio giardino c’è un ampio vialetto moderno che illuminazione posso adottare?

In questo caso, assicurati un po’ di luce generale con un paio di lampioni che superino i 50 cm (un paletto da 80/90 cm sarebbe ideale) ad emissione diffusa della luce e poi caratterizza il resto dell’area con illuminazione radente in presenza di un bella area verde o a proiezione se hai delle piante ornamentali.

Se il vialetto invece è proprio un percorso di dimensioni significative (3-5 m almeno) pensa invece ad illuminare anche la parte interna del vialetto come un vero percorso di accesso. Non esagerare con il numero delle luci che userai, preferibilmente micro proiettori oppure incassi calpestabili ad emissione laterale, perchè potresti incappare nell’errore che molti fanno di creare una vera e propria pista di atterraggio fronte casa.

Ora è il turno del tavolo con le sedie attorno al quale passerai le tue serate estive in pieno relax. Se puoi cerca di illuminare il tavolo sempre dall’alto verso il basso e preferibilmente in modo che la sorgente luminosa scenda verso il centro del tavolo cosi da scongiurare proiezioni d’ombra. Potresti usare lampade a sospensione, se avessi punti di appoggio, o lampade ad arco che andranno a ritrovare il centro tavola. Imposta sempre due linee di luce, una dedicata alla luce generale (perimetrale) ed una per il tavolo (centrale).

Anche a costo di risultare monotono, non dimenticare di optare per luci a basso consumo o a Led che ti permetteranno di tenere tutti i tuoi effetti scenografici accesi senza alcun problema di consumi.

Qualora vi fosse un impianto di irrigazione, bisogna tener presente anche di questo ulteriore parametro, ed è consigliabile che i due impianti siano distanti tra di loro.
L’impianto elettrico dovrà passare ad una profondità variabile, a seconda del tipo di terreno e anche delle piante. Infatti, in caso di alberi o piante con radici molto invasive è bene tenere i cavi dell’impianto più lontani, per non rischiare che essi vengano danneggiati dal crescere delle piante.

Importante anche isolare bene e mettere in sicurezza eventuali fili, che potrebbero venire rosicchiati da topi o talpe, creando dei danni all’impianto utilizzato.

Adesso è il momento di gustare il tuo aperitivo in tutto relax e con la giusta atmosfera.

Centro Luce, l’illuminazione a Genova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.