Sicurezza uno degli aspetti più importanti

Insieme al design ed alla qualità la sicurezza è uno degli aspetti che devono essere considerati al momento dell’acquisto di un’apparecchiatura elettrica. Basta un po’ di attenzione in questa fase per evitare spiacevoli incidenti in futuro.

Classi di isolamento

Le classi di isolamento indicano il grado di protezione fornito da un’apparecchiatura elettrica rispetto alla possibilità di prendere la “scossa”.

CLASSE 0:
Sono apparecchi nei quali non è presente protezione e, in caso di guasto all’isolamento principale, le masse metalliche andrebbero in tensione provocando la folgorazione dell’utente che ne venisse in contatto.
Da molti anni questi tipi di apparecchi non vengono più prodotti e la loro connessione alla rete elettrica è vietata per legge.

CLASSE I:
80px-Schutzklasse_1.svgApparecchio nel quale la sicurezza elettrica è garantita da un conduttore supplementare di protezione (messa a terra) collegato alla struttura metallica della lampada e fa capo all’impianto elettrico fisso, tramite un cavo di colore giallo/verde.   80px-Wire_yellow_green_stripe.svg
In caso di guasto all’isolamento si può provocare un flusso di corrente fra la carcassa ed una fase, per evitare la folgorazione dell’utente si interviene in questi 2 modi:

  • – dimensionamento adeguato del dispersone di terra in modo da non permettere una tensione superiore ai 50 volt;
  • – inserimento, per obbligo di legge, di un interruttore differenziale.

Fanno parte di questa classe di isolamento lavatrici, lavastoviglie, ecc.; sono riconoscibili per avere una spina a 3 contatti.

CLASSE II:
80px-Double_insulation_symbol.svgApparecchio nel quale la protezione contro la scossa elettrica non si basa unicamente sull’isolamento fondamentale, ma anche sulle misure supplementari di sicurezza costituite dal doppio isolamento o dall’isolamento rinforzato. Queste misure non comportano dispositivi per la messa a terra e non dipendono dalle condizioni di installazione.
Apparecchi che utilizzano questa classe di isolamento sono televisori, computer, console, ecc.

CLASSE III:
80px-Class_III_symbolApparecchio in cui la protezione contro la scossa elettrica si basa sull’alimentazione a bassissima tensione di sicurezza e in cui non si producono tensioni superiori alla bassissima tensione di sicurezza SELV (Safety Extra-Low Voltage).
In pratica tale apparecchio viene alimentato o da una batteria o da un trasformatore SELV e non deve essere provvisto di messa a terra di protezione.

Norme di riferimento
IEC 61140: Protezione contro i contatti elettrici.
EN 60335-1: Sicurezza degli apparecchi elettrici per applicazioni domestiche.

 

Gradi di protezione IP

ceienGli apparecchi elettrici sono predisposti per impedire l’intrusione e/o il contatto di corpi solidi e liquidi con le parti in tensione. La resistenza alla penetrazione di solidi o liquidi e’ espressa dalla sigla IP, seguita da due numeri che esprimono il grado di protezione: la prima cifra e’ riferita ai corpi solidi, la seconda ai liquidi.

Prima cifra caratteristica per i corpi solidi:
0 – Senza protezione
1 – Protetto contro la penetrazione di corpi solidi di dimensioni superiori a 50 mm.
2 – Protetto contro la penetrazione di corpi solidi di dimensioni superiori a 12 mm.
3 – Protetto contro la penetrazione di corpi solidi di dimensioni superiori a 2,5 mm.
4 – Protetto contro la penetrazione di corpi solidi di dimensioni superiori a 1 mm.
5 – Protetto contro la polvere.
6 – Totalmente protetto contro la penetrazione della polvere.

Seconda cifra caratteristica per i liquidi:
0 – Senza protezione
1 – Protetto contro lo stillicidio.
2 – Protetto contro le cadute di gocce d’acqua con inclinazione massima di 15°.
3 – Protetto contro la pioggia.
4 – Protetto contro gli spruzzi d’acqua.
5 – Protetto contro i getti d’acqua.
6 – Protetto contro le ondate.
7 – Stagno all’immersione.
8 – Stagno alla sommersione.

La prima lettera aggiuntiva indica il grado di protezione contro l’accesso a parti pericolose:
A – protetto contro l’accesso con la mano.
B – protetto contro l’accesso il dito.
C – protetto contro l’accesso con attrezzo.
D – protetto contro l’accesso con filo.

La seconda lettera supplementare fornisce invece informazioni relative alla protezione del materiale:
H – adatto per apparecchiatura ad alta tensione.
M – provato contro gli effetti dannosi dovuti all’ingresso d’acqua quando le parti mobili dell’apparecchiatura sono in moto.
S – provato contro gli effetti dannosi dovuti all’ingresso d’acqua quando le parti mobili dell’apparecchiatura non sono in moto.
W – adatto all’uso in condizioni atmosferiche specificate e dotato di misure o procedimenti addizionali.

La norma di riferimento è la CEI EN 60529/1997 (ex CEI 70-1)

Le apparecchiature in figura non sono sicuramente a norma…

Centro Luce: i professionisti dell’illuminazione a Genova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.